Bonus casa, qual è la differenza tra visto di conformità e asseverazione

Tra i documenti necessari per usufruire del superbonus 110%, ma non solo, ci sono il visto di conformità e l’asseverazione. Ma qual è la differenza tra loro?

Capire la differenza tra visto di conformità e asseverazione è importante. Si ricorda che il decreto legge anti frodi ha introdotto l’obbligo di visto di conformità e asseverazione anche per bonus facciate, bonus ristrutturazioni, ecobonus, sismabonus, installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

Il visto di conformità è quel documento elaborato da un professionista abilitato necessario per verificare la regolarità delle dichiarazioni e delle documentazioni prodotte per ottenere il superbonus 110%. Con il visto di conformità, dunque, si certificano i presupposti che danno diritto alla detrazione. Il documento viene rilasciato dopo la trasmissione telematica di tutti i documenti. Il visto di conformità, di fatto, rappresenta la congruenza tra quanto utilizzato e quanto previsto dalla normativa.

L’asseverazione tecnica è quel documento che deve essere allegato alla richiesta del superbonus 110 per cento nel momento in cui si invia telematicamente la pratica all’Enea. L’asseverazione tecnica viene rilasciata da un tecnico abilitato, come un termotecnico, un geometra, un ingegnere o un architetto. Con l’asseverazione tecnica si dimostra di possedere tutti i requisiti tecnici per accedere al bonus e la congruità delle spese sostenute, ossia che i costi dichiarati nel computo metrico estimativo rispecchiano quelli degli interventi da fare.

Attenzione, però. In base a quanto stabilito dal decreto legge anti frodi, le asseverazioni necessarie per il superbonus e per altre agevolazioni sono differenti. Per il superbonus o per il bonus relativo al rischio sismico servono l’asseverazione tecnica che certifica l’esistenza dei requisiti minimi, il visto di conformità e l’asseverazione che dimostra la congruità delle spese. Per il bonus facciate con cessione del credito non serve trasmettere l’asseverazione dei requisiti minimi, ma solo il visto di conformità e l’asseverazione che dimostra la congruità delle spese. Per l’ecobonus 110 è necessario trasmettere l’asseverazione tecnica dei requisiti minimi, se i lavori sono iniziati prima del 6 ottobre 2020, e l’asseverazione che dimostra la congruità delle spese, se i lavori sono iniziati dopo il 6 ottobre 2020. 

OESSE dispone di personale qualificato abilitato a seguirvi in tutto il percorso a partire dalla diagnosi energetica, redazione APE ecc…fino alla realizzazione e consegna dei lavori ultimati ed è sempre pronta ad accogliervi per mostrarvi tutto ciò che serve per il vostro benessere e per il vostro risparmio.

Per qualsiasi domanda o per avere maggiori informazioni ci trovi in Via Vivaldi 92 a San Giorgio in Bosco oppure chiama allo 0497848069

Inoltre ti consigliamo di leggere tutti i nostri articoli per vari approfondimenti, video e interviste!

Bonus casa, qual è la differenza tra visto di conformità e asseverazione
Tag:         
fb-share-icon
Share

 

COMUNITA' ENERGETICA CONDOMINI

COMPILA IL FORM E VERRAI RICONTATTATO

PER UNA CONSULENZA GRATUITA

 

CLICCANDO QUI