Cosa resterà dei bonus casa nel 2023?

In vista delle elezioni del 25 settembre 2022, molti si chiedono che sarà dei bonus casa nel 2023. Se il nuovo governo introdurrà una proroga o se diremo addio alle detrazioni fiscali per gli immobili. Vediamo cosa succederà ai bonus casa nel 2023, dal bonus ristrutturazione del 50% al bonus prima casa per i giovani under 36, in mancanza di un intervento normativo.

Quali bonus saranno prorogati nel 2023?

Nel 2023 saranno ancora in vigore i seguenti bonus per la casa, per cui la legge di bilancio 2022 ha introdotto una proroga fino al 31 dicembre 2024

  • bonus ristrutturazione edilizia (detrazione del 50%)
  • Ecobonus tradizionale
  • Bonus mobili ed elettrodomestici
  • Sismabonus
  • bonus verde
Bonus facciate nel 2023

Nel 2023, a meno di interventi normativi da parte del nuovo governo, dovremo dire addio al bonus facciate. La legge di bilancio 2023 ha infatti prorogato il bonus facciate solo fino al 31 dicembre 2022. Non solo. Ha anche ridotto la percentuale di detrazione dal 90% al 60%.

Bonus casa giovani 2023 per gli under 36

Nel 2023 dovremmo dire addio anche al bonus casa giovani under 36. La legge di bilancio 2022 ha infatti prorogato fino al 31 dicembre 2022 le agevolazioni per l’acquisto di una prima casa per i giorni di età inferiore ai 36 anni.

Superbonus 110 nel 2023

Un capitolo a parte riguarda il superbonus 110 che è stato esteso fino al 31 dicembre 2023 per

  • condomini
  • edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche posseduti da un unico proprietario
  • interventi effettuati su edifici di proprietà di Onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale.

Per queste categorie di immobili è prevista in realtà una proroga al 31 dicembre 2025, ma con percentuali diverse di detrazione che scendono nel 2024 al 70% e al 65% nel 2025.

Quande scade il superbonus 110 per le case unifamiliari?

Brutta notizia anche per il superbonus 110 per le case unifamiliari la cui scadenza è prevista per il 31 dicembre 2022.

Quando scade la cessione del credito 2023?

La possibilità di optare per la cessione del credito (o per lo sconto in fattura) è stata prorogata per tutto il 2023 (e fino al 31 dicembre 2024) per il bonus ristrutturazioni, l’ecobonus tradizionale, il sismabonus ordinario, il bonus facciate e il bonus per l’installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

Per il superbonus 110 la possibilità di optare per la cessione del credito è estesa fino al 31 dicembre 2025.

OESSE dispone di personale qualificato abilitato a seguirvi in tutto il percorso a partire dalla diagnosi energetica, redazione APE ecc…fino alla realizzazione e consegna dei lavori ultimati ed è sempre pronta ad accogliervi per mostrarvi tutto ciò che serve per il vostro benessere e per il vostro risparmio.

Per qualsiasi domanda o per avere maggiori informazioni ci trovi in Via Vivaldi 92 a San Giorgio in Bosco oppure chiama allo 0497848069

Inoltre ti consigliamo di leggere tutti i nostri articoli per vari approfondimenti, video e interviste!

Cosa resterà dei bonus casa nel 2023?
Tag:         
fb-share-icon
Share

 

COMUNITA' ENERGETICA CONDOMINI

COMPILA IL FORM E VERRAI RICONTATTATO

PER UNA CONSULENZA GRATUITA

 

CLICCANDO QUI