Cos’è, come funziona e quanto si risparmia con la caldaia a pellet

In tempi di caro energia è bene essere informati e aggiornati su tutti i metodi e i dispositivi presenti sul mercato per gestire i riscaldamenti (acqua e termosifoni, ad esempio) in casa. Oltre ai metodi tradizionali, infatti, abbiamo già visto che esistono le opzioni offerte da caldaie a idrogeno e combustione. Ma non sono le uniche alternative a disposizione. Scopriamo cos’è, come funziona e quanto si risparmia con la caldaia a pellet (da non confondere con la stufa).

Cos’è una caldaia a pellet

A differenza della stufa, molto diffusa ormai nelle case degli italiani, una caldaia a pellet è in grado di funzionare da vero e proprio riscaldamento centrale e, oltre a scaldare l’appartamento, produce anche l’acqua calda sanitaria.

Come funziona una caldaia a pellet

La caldaia a pellet è disponibile sia in versione semiautomatica che in versione completamente automatica. Nel primo caso, il pellet va inserito manualmente tramite un apposito contenitore di stoccaggio. Da lì vengono alimentati in un flusso dosato e continuo verso la camera di combustione. Nel secondo caso, invece, il pellet viene trasportato dal magazzino direttamente alla caldaia attraverso un sistema automatico.

Un’altra componente fondamentale della caldaia a pellet è la camera di combustione. È costruita in materiale resistente al calore, da una coclea di alimentazione, da un sistema di scarico delle ceneri e da uno scambiatore di calore. L’efficiente combustione e il grado di efficienza particolarmente elevato sono ottenuti dall’aria di combustione con l’aiuto della regolazione dell’aria primaria e secondaria supportata dalla sonda lambda.

Quanto costa riscaldare una casa di 100 mq con pellet?

Secondo alcune simulazione di aziende produttrici ed esperti, il costo necessario per scaldare una casa di circa 100 metri quadri con il pellet si aggira intorno ai 400 euro all’anno, contro gli oltre 800 euro nel caso di una caldaia a gasolio e 1.400 euro dei sistemi a gpl.

Quanto dura un sacco di pellet da 15 kg?

Molto dipende, ovviamente, dalle caratteristiche e dalle dimensioni dell’immobile che dobbiamo riscaldare. In linea generale, per un appartamento di circa 80/90 mq e una stufa di 8 kWh accesa per circa 12 ore al giorno, per tutto l’inverno (circa 120 giornate fredde) saranno necessari complessivamente circa 150 sacchi da 15 kg.

Cosa conviene di più metano o pellet?

Per quanto riguarda le fonti di energia utilizzate per il riscaldamento, il pellet rappresenta ancora oggi la scelta più conveniente sul mercato. Nel confronto diretto con il metano, basti pensare che sui costi finali scegliendo il pellet si può arrivare a un risparmio complessivo fino al 30% rispetto al metano.

OESSE dispone di personale qualificato abilitato a seguirvi in tutto il percorso a partire dalla diagnosi energetica, redazione APE ecc…fino alla realizzazione e consegna dei lavori ultimati ed è sempre pronta ad accogliervi per mostrarvi tutto ciò che serve per il vostro benessere e per il vostro risparmio.

Per qualsiasi domanda o per avere maggiori informazioni ci trovi in Via Vivaldi 92 a San Giorgio in Bosco!

Inoltre ti consigliamo di leggere tutti i nostri articoli per vari approfondimenti, video e interviste!

Cos’è, come funziona e quanto si risparmia con la caldaia a pellet
Tag:         
fb-share-icon
Share

 

COMUNITA' ENERGETICA CONDOMINI

COMPILA IL FORM E VERRAI RICONTATTATO

PER UNA CONSULENZA GRATUITA

 

CLICCANDO QUI