A cosa serve la certificazione F-GAS e perché è importante

Cos’è?

La certificazione F-gas è un documento obbligatorio che certifica il personale e le imprese che gestiscono i gas fluorurati (f-gas) responsabili dell’effetto serra. Ciò serve a garantire una più alta qualità del lavoro ed ottenere una maggiore soddisfazione da parte del cliente ed una garanzia della professionalità di chi opera in questo settore.

A chi è rivolta?

In dettaglio, la certificazione è obbligatoria per gli operatori che svolgono attività di installazione, riparazione, manutenzione, assistenza o smantellamento, recupero gas, ricerca di perdite  nei seguenti tipi di impianti e apparecchiature contenenti f-gas:

  • apparecchiature fisse di refrigerazione e condizionamento d’aria, le pompe di calore fisse e le celle frigorifero di autocarri e rimorchi frigorifero (Reg. (UE) n. 2015/2067)
  • impianti fissi di protezione antincendio ed estintori (Reg. (CE) n. 304/2008)
  • installazione, assistenza, manutenzione, riparazione o disattivazione di commutatori elettrici(Reg. (UE) n. 2015/2066)
  • recupero di solventi a base di gas fluorurati dalle apparecchiature contenenti solventi (Reg. (CE) n. 306/2008).

Dal 25 settembre 2019 scatta l’obbligo per le imprese certificate di comunicare i dati relativi agli interventi di installazione, riparazione, manutenzione, controllo delle perdite e smantellamento, svolti su apparecchiature contenenti gas fluorurati.

I dati devono essere comunicati:

  • a seguito dell’installazione delle apparecchiature
  • a partire dal primo intervento di controllo delle perdite, di manutenzione o di riparazione
  • al momento dello smantellamento delle apparecchiature.
L’obbiettivo

L’obiettivo principale della normativa è quello di proteggere l’ambiente mediante la riduzione delle emissioni di gas fluorurati a effetto serra. Ed è una conseguenza della famosissima Conferenza sul clima tenutasi a Kyoto nel 1997, alla quale parteciparono più di 180 paesi.

La prevenzione delle emissioni di gas fluorurato è considerata una priorità,  per questo sono state emanate regole e normative ad hoc in cui sono state indicate anche le modalità di prevenzione e controllo di tali emissioni. Alcune attività individuate per ottenere questo risultato sono:

  • l’applicazione di sistemi di rilevamento delle perdite sulle varie apparecchiature;
  • la tenuta dei registri, per ogni apparecchiatura;
  • L’etichettatura dei prodotti e le apparecchiature che contengono, o il cui funzionamento dipende dai gas fluorurati a effetto serra.

Per non incorrere in sanzioni è molto importante conoscere questa normativa per cui sarebbe molto utile aiutarci a condividere questo articolo per diffonderne il più possibile le informazioni, soprattutto a tutte quelle persone che lavorano nel settore e che devono mettersi in regola con la certificazione f-gas.

Inoltre, cogliamo l’occasione per ricordarvi che nel caso doveste sostituire una caldaia, una stufa o una cucina siete ancora in tempo per far domanda al fine di ricevere un contributo di €1000 dalla provincia di Padova. (Tutte le info relative le trovate nel nostro articolo qui sotto)

Cos’è la certificazione F-GAS
Tag:         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook
Facebook
YOUTUBE
PINTEREST
PINTEREST
LINKEDIN
INSTAGRAM